• Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button

Vernice o carta da parati: qual è la soluzione giusta per te?

  • Autore: DAMMACCO ERMANNO
  • 04 lug, 2017
una mano che sparge vernice bianca con un rullo

Negli ultimi anni la decorazione delle pareti è tornata alla ribalta: si tratta di un ottimo modo per valorizzare una parete o un’intera stanza, rendendo unico anche un ambiente arredato in modo semplice.

Oltre alla tinta unita e al classico spugnato o spatolato, se si cerca qualcosa di particolare ci si può affidare alle pitture materiche, che creano spettacolari effetti a rilievo, oppure alle carte da parati, disponibili in moltissime fantasie.

Ma è meglio orientarsi su una vernice o su una carta da parati? Ecco i pro e i contro di entrambe.

L'applicazione e la manutenzione

Prima di tutto bisogna mettere in conto l’eventualità di rivolgersi a un professionista per eseguire la decorazione. Se scegliete una pittura tradizionale potrete eseguire il lavoro anche da soli; le vernici materiche e le carte da parati a fantasia, invece, richiedono l’intervento di uno specialista: infatti non c’è niente di peggio di una carta da parati male allineata o con fastidiose bolle d’aria.

Anche la manutenzione può essere un elemento a sfavore della carta da parati, se si effettua una scelta non ben ponderata: è fondamentale infatti passare regolarmente l’aspirapolvere su tutta la superficie. Tuttavia una carta da parati ben tenuta e di buona qualità, come quelle messe a disposizione dalla Dammacco Arredamenti, rimarrà impeccabile per almeno dieci anni, a differenza di una normale vernice che richiede dei ritocchi periodici.

L'umidità

Anche l’umidità può essere una grande nemica della carta da parati. Esistono modelli lavabili adatti anche alle cucine e ai bagni, anche se possono essere utilizzati solo a patto che la casa non sia per sua natura particolarmente umida: al di sotto della carta lavabile il muro infatti non respirerebbe, e finirebbe per rovinarsi sempre di più.

In questo caso è meglio scegliere una normale vernice, rassegnandosi a re-imbiancare periodicamente.

La personalizzazione

D’altro canto, il principale elemento a favore della carta da parati è la possibilità di scelta praticamente illimitata. Siamo ben lontani dalle carte da parati a fiori delle case dei nostri nonni: infatti quelle di oggi sono ultramoderne, dotate di fantasie geometriche, accattivanti o addirittura in grado di simulare l’effetto del legno o della pietra.

Nonostante alcune difficoltà nella posa, la carta da parati rappresenta quindi un’ottima soluzione per arredare casa con eleganza, personalità e stile.
Autore: DAMMACCO ERMANNO 07 ago, 2017

La parete attrezzata del soggiorno è uno degli arredi della casa che richiedono maggiore cura nella progettazione: deve non solo essere funzionale e offrire un buon volume di contenimento, ma anche dare carattere e impatto estetico all’intera zona living .

Le tendenze del 2017 offrono vari spunti interessanti per unire entrambe queste esigenze, creando una composizione originale e comoda da usare.
Autore: DAMMACCO ERMANNO 04 lug, 2017

Negli ultimi anni la decorazione delle pareti è tornata alla ribalta: si tratta di un ottimo modo per valorizzare una parete o un’intera stanza, rendendo unico anche un ambiente arredato in modo semplice.

Oltre alla tinta unita e al classico spugnato o spatolato, se si cerca qualcosa di particolare ci si può affidare alle pitture materiche, che creano spettacolari effetti a rilievo, oppure alle carte da parati, disponibili in moltissime fantasie.

Ma è meglio orientarsi su una vernice o su una carta da parati? Ecco i pro e i contro di entrambe.
Autore: DAMMACCO ERMANNO 12 apr, 2017
Spazi ariosi, soluzioni modulari che creano ambienti a misura d'uomo, stili essenziali ma arricchiti da piccoli particolari raffinati e intelligenti: secondo le nuove tendenze, dettate anche dal rinomato Salone del Mobile di Milano, la parola d'ordine per l' interior design nel 2017 è "vivibilità".
  
Dimentichiamoci zone cottura anguste, materiali pesanti e impegnativi e un'abbondanza di elettrodomestici superflui. La tendenza di quest'anno è creare una fusione perfetta tra cucina e soggiorno, puntando sulla scelta di materiali solidi, design lineari e palette minimali.
Autore: DAMMACCO ERMANNO 16 mar, 2017
Cucinare in modo veloce piatti da fare invidia ai migliori chef in un ambiente accogliente, avendo a portata di mano tutto quello che ti serve? Qualche anno fa sarebbe sembrato un sogno, ma oggi, grazie ai nuovi elettrodomestici intelligenti, è finalmente possibile unire tradizione e innovazione in cucina, risparmiando tempo da dedicare alle tue passioni e alle persone che ami.
Autore: DAMMACCO ERMANNO 14 feb, 2017
Dall'Ottocento a oggi, il design degli interni ha subito radicali e continui mutamenti. Se due secoli fa la funzionalità, la solidità e il gusto classico erano ancora fattori determinanti nell'acquisto di mobili e soluzioni per la casa, che erano ancora appannaggio di pochi, il Novecento ha visto un vero e proprio boom nel settore della progettazione degli spazi. All'indomani della Seconda Guerra Mondiale la casa, finalmente, non era più solo uno spazio da sfruttare, ma un ambiente da vivere, oltre a un mezzo per dimostrare le proprie risorse economiche e il proprio gusto estetico. Ma le cose sono cambiate.
Share by: